LA NOSTRA STORIA

"LUCI SUI FORTI": un po' di storia ...

"Luci sui Forti" nasce nel 1990, con la collaborazione dell'allora Generale Comandante Luigi Manfredi. Lo scopo era quello di sensibilizzare gli Enti affinché quel patrimonio artistico, abbandonato e sconosciuto ai genovesi, fosse ripulito, riutilizzato e aperto al pubblico attraverso le visite guidate.

L'Esercito ebbe un ruolo importante in questa operazione.

Per qualche anno il Teatro della Tosse portò i suoi spettacoli a Forte Sperone, ma ben presto scelse altri lidi.

Ecco timidamente affacciarsi "Luci sui Forti" associazione formata da volontari con tanto entusiasmo e passione. Vengono coinvolte tutte le botteghe genovesi per organizzare una fiera dedicata all' artigianato e si crea un palcoscenico dedicato ai giovani dove le compagnie amatoriali possano esprimere in libertà, dando loro l'opportunità di confrontarsi, crescere, attraverso la musica, il teatro, la danza, avendo la possibilità di vivere in prima persona delle vere esperienze artistiche.

A Forte Sperone è stata ospite la Scuola dell'Opera di Rom con l'etoile Elisabetta Terabust, altri nomi illustri hanno calcato quel palcoscenico come il Teatro di Torino, i jazzisti Romano Mussolini e Dado Moroni, concerti importanti, rassegne di danza con oltre 200 partecipanti, seminari, incontri culturali e tante altre iniziativa hanno dato vita in tutti questi anni alla nostra associazione. Così è nato il nostro teatro e il cartellone ha assunto, anno dopo anno, una sua fisionomia; una bella soddisfazione che ha ripagato tutta la fatica e l'impegno che abbiamo profuso per la nostra rassegna. Si affermano giovani attori, ogni stagione si ospitano diverse compagnie definite "amatoriali" (solo perché costituite da amanti del teatro e no perché siano di secondaria importanza) dirette da insegnanti e registi di grande esperienza.

In occasione dell'evento "Merlin Rocks Opera" finanziato in parte dalla Provincia di Genova, Luci sui Forti ha ricevuto il premio Internazionale Cultura dalle Università Europee.

Per le compagnie, "Luci sul Forte" (così denominata dal 2016) rappresenta un'occasione di crescita, confronto e collaborazione; non a caso molti di questi giovani hanno intrapreso la strada della danza o della prosa a livello professionale.

Da qualche anno, siamo stati costretti ad abbandonare Forte Sperone in quanto non agibile e tutte le nostre speranze in un attimo sono sfumate. Ma ecco che la provincia di Genova ci ha accolti con entusiasmo alla Lanterna, faro che fa parte delle fortificazioni genovesi, facendoci così sentire a "casa nostra". Nel 2014, il "teatro naturale" di "Luci sul Forte" è Villetta Di Negro e dal 2015 si ritorna alla Lanterna. Chissà quale altro scenario architettonico ci ospiterà in futuro?